logo

Mi Puoi trovare presso

  • Centro estetica Cleo Bellinzona, Svizzera CH
  • Bolzano
  • Palestra Metropolitan Biella
  • FKS Lamar Project Roma

info@francescomenconi.it

Centro Medico Estetico Aequilibrium Carrara Italy

Top

Muoversi fa bene?

Francesco Menconi / Salute e benessere  / Muoversi fa bene?

Muoversi fa bene?

Siamo sicuri che muoversi faccia bene?

Muoviti fa bene ti dicono, ma siamo sicuri e soprattutto, perché fa bene?

Tonifica? Fa dimagrire? Rende vitali? Scarica lo stress? Rilassa? Migliora la qualità della vita?

Nulla di tutto questo, fa molto, davvero molto di più

Sarò breve datemi qualche minuto grazie mille, del resto siamo noi, il nostro corpo, vale la pena conoscerlo vero?

Primo motivo per cui muoversi fa bene – Le Miochine e l’AMP Kinasi!

Le Miochine: il ruolo endocrino del muscolo scheletrico. Lo dicono tutti, muoversi fa bene, soprattutto nelle palestre, ma perché? Rispondiamo a questo “Mistero”:

E’ ormai ampiamente accettato dall’intera comunità scientifica che l’esercizio fisico regolare determina una risposta fisiologica di protezione verso molte delle cause di mortalità, di contrasto verso fenomeni di tipo infiammatorio come l’aterosclerosi e l’insulino-resistenza (diabete, ipertensione, malattie simili). Dovremmo farlo sapere anche ad alcuni dottori.

Svolgere un regolare esercizio fisico permette alla muscolatura scheletrica non solo di contrarsi, ma anche di secernere e riversare nel torrente circolatorio una citochina anti-infiammatoria: IL-6 (interleuchina 6).

Evidenze scientifiche dimostrano che essa stimola la produzione ed il rilascio di altre citochine circolanti quali IL-1ra (inteleukin-1 receptor antagonist) e IL-10 (interleukin 10); inoltre inibisce la produzione di interleuchine pro-infiammatorie come il TNF-α (tumor necrosis factor-alpha) e la proteina C reattiva, PCR.

Si avete letto bene, fattore tumorale di necrosi. L’IL-6 facilita il turnover dei lipidi, stimola la lipolisi come anche la ß-ossidazione, insomma si usano i fantomatici grassi.

Altro che diete da sacrificio, ciclo circadiani e movimento non serve altro.

L’AMP KINASI: E’ben noto che durante l’esercizio fisico vi è un aumento dell’attività di AMPK (AMP-activate protein kinase ) nel muscolo. L’AMPK è una proteina chinasi che modula il metabolismo cellulare mediante la fosforilazione di diversi enzimi chiave del metabolismo energetico. Controlla lo stato di energia, come l’indicatore del carburante della macchina, e segnala quando il livello è basso.

La sua attivazione avviene quindi quando c’è un deficit di energia cellulare come durante l’esercizio fisico dove l’AMPK attivata blocca la riproduzione degli adipociti, effetto che favorirebbe l’aumento di consumo energetico e quindi la perdita di peso.

AMPK attivata promuove una serie di eventi metabolici a cascata quali:
• incremento dei processi di combustione dei grassi;
• aumento del numero di mitocondri, in modo da poter disporre di più energia (ATP) traendola dai grassi;
• inibizione dei processi gluconeogenetici, per favorire l’impiego di grasso come energia;
• riduzione nel rilascio di insulina, che altrimenti promuoverebbe l’accumulo di ulteriori grassi.

Questo può accadere in conseguenza di attività fisica oppure in seguito a un regime calorico ristretto: entrambi i fattori inducono un deficit nei livelli di energia.

ATTENZIONE! Assunzioni caloriche eccessivamente basse determinano infatti una riduzione del metabolismo basale che rallenta la perdita di grasso! Quindi non dimagrite, nonostante la bilancia “ve lo dica” ma deperite semplicemente!

Al contrario, un bilancio energetico positivo, (esempio dopo il consumo di un pasto) normalmente induce l’attivazione di un’altra via biochimica cellulare, che include la chinasi mTOR(mammalian Target Of Rapamycin) e altri enzimi che questa chinasi controlla. Quest’ultimo stimola la sintesi proteica.

mTOR non solo risponde a segnali che informano sulle riserve energetiche che il corpo ha a disposizione ma anche a nutrienti, come glucosio ed aminoacidi .

Pensate ai ratti a cui viene somministrata leucina (l’aminoacido a catena ramificata che più di altri è in grado di stimolare mTOR) direttamente nel terzo ventricolo cerebrale, riducono il consumo di cibo e conseguentemente il loro peso corporeo.

Ecco spiegato perché troppa attività fisica induca il catabolismo proteico. (capito idioti del no pain, no gaio, del sacrificio, della sofferenza, del cedimento, del fareste bene a studiare invece di sfogare nello sport le vostre repressioni?)

Per chi ama gli studi scientifici Clicca Qui 

Il modo migliore per attivare tutto questo è un allenamento di tipo HIIT (vedi CrossX per approfondire)

Ma No Paura

Non è necessario andare in palestra, muoversi è fare piccole “corsette” andare in bici, ottimo è fare le scale, saltare la corda, andare su percorsi instabili, camminare a piedi nudi sul ciottoli, fare delle brevi nuotate, arrampicarsi in sicurezza, muoversi nei boschi, nel saliscendi, e soprattutto rotolarsi.

Numerose sono le ricerche, come descritto sopra, che sottolineano come l’esercizio fisico regolare induca la soppressione di TNF-α offrendo protezione contro l’insulino-resistenza generata dalla stessa citochina. Recentemente, l’IL-6 è stata definita come la prima “miochina” prodotta e rilasciata dalle singole fibre muscolari scheletriche in seguito alla loro contrazione, esercitando i suoi effetti anche su altri organi del corpo.

Il muscolo scheletrico è un organo endocrino che attraverso la contrazione stimola la produzione ed il rilascio di citochine, che influenzano il metabolismo e modificano la produzione delle stesse nei tessuti e negli organi.

Ma pensate che spettacolo, muovendosi il corpo stimola ed ottimizza la sua capacità di auto-guarigione…. tranne quando a muovervi sono quelli che fanno “fritness”, il “fritness” inibisce questo processo 🙂 

Vallo a dire a quelli che ancora oggi, si impongono in modo maniacale, cibi, diete pseudoreligiose in nome della salute, sistemi di allenamento stress indotti, sospensione prolungata dal cibo o cibi “detox” o allenamenti estenuanti in nome del sacrificio che inibiscono questi fattori

[/vc_column_text]

[/vc_column][/vc_row]

Secondo motivo per cui muoversi fa bene – apparato cardiovascolare e respiratorio

Muoversi è necessario, e chi dice il contrario è solo un idiota!

Capito che l’attività motoria svolge effetti positivi sull’organismo in generale, vediamo quali sono riservati all’apparato respiratorio.

Innanzitutto si verifica un significativo incremento dell’elasticità della gabbia toracica, ciò consente di potenziare la capacità di ventilazione polmonare. Ottimizza le tensioni muscolari, e crea un naturale “balance” muscolare prevenendo il mal di schiena.

Il diaframma, i muscoli intercostali interni ed esterni, gli addominali, sono chiamati muscoli respiratori, coinvolti appunto in tale funzione. Grazie ad un’attività fisica moderata e costante, tali muscoli si tonificano, si contraggono con minore frequenza, si affaticano di meno e permettono una respirazione lenta e rilassata.

La persona, che svolge attività motoria regolarmente, va incontro a notevoli benefici, come ad esempio:

1) aumento del volume d’aria contenuto nei polmoni, ossia miglioramento della capacità polmonare; miglior ossidazione del tessuto adiposo

2) dopo una fase di allenamento, è in grado di recuperare più facilmente; aumentando il debito di ossigeno “epoc” e quindi innalzando il metabolismo

3) quando è sotto sforzo, una corretta, salire delle scale l’affaticamento sarà molto lieve

4) migliore ossigenazione dei tessuti e del sangue; miglior smaltimento delle “tossine”

5) miglioramento dell’apparato cardiocircolatorio. Cuore, arterie e vene, migliorano funzionalità, capacità, resistenza.

7) Riduzione della frequenza cardiaca per aumento del tono vagale, ottimizzando naturalmente il sistema nervoso e modulando lo stress

8) Aumento della gittata cardiaca, quindi maggior sangue che arriva in “periferia” ottimizzando la circolazione

9) Riduzione della pressione arteriosa sistemica(2-5mmHgnelnormoteso,5-15mmHgnell’iperteso)

 

10) Riduzione della pressione arteriosa polmonare

11) Riduzione dell’indice tensione-tempo nel miocardio, banalmente si vive di più e meglio

Inoltre, riduzione del grasso viscerale, dei trigliceridi, aumento del colesterolo HDL, aumento dell’attività anti-trombotica, prevenzione del diabete di tipo 2

[Fonte testo: http://www.europeanlung.org/ ]

Conclusioni

Ora capisco la confusione, capisco che vi dicono di fare piscina per il mal di schiena, (mentre è dimostrato esattamente il contrario) di far piscina per le donne in gravidanza (esponendole ad un ambiente caldo/umido ideale per la proliferazione di batteri) ora capisco che c’è chi vi vende i “beveroni” miracolosi da 20 anni per dimagrire e mentre lo fa, mediamente è sovrappeso, capisco anche che dall’altra parte troviate “celebropesi” tutto pollo, riso, fasi bulk, fasi cut, che sono tutto vene e droga, ma credetemi, non si tratta di cosa vi può giustificare nello stare fermi, muoversi, è l’unica salvezza, l’unica possibilità di vivere bene, stare bene, essere in forma fisica, e muoversi non è andare in palestra, la palestra, dovrebbe essere una “scuola” dove imparare il movimento, ma spesso 2-3 giorni la settimana sono insufficienti, quindi muovetevi, fate le scale, andate a piedi, in bici, camminate, e se proprio non avete tempo, fate l’amore, e ricordate, anche per far quello, servono muscoli, resistenza cardiovascolare, respiratoria e vene ed arterie sane… oltre al cuore.

Francesco Menconi

Ciao, sono Francesco Menconi... Nella mia attività quotidiana di Istruttore e di Personal Trainer cerco innanzitutto di far innamorare le persone del loro corpo, attraverso la comprensione di sé che passa anche attraverso il movimento, perché solo vicini al corpo è possibile trovare il vero benessere... Mi piace scrivere per condividere quel poco che so su questo miracolo chiamato corpo umano.. Se ti va, scrivimi i tuoi pensieri lasciandomi un tuo commento...

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.