Pane integrale tutto da buttare!

Pane integrale tutto da buttare!

O quasi, almeno per le ricerche effettuate ad oggi

Presso i principali centri commerciali e non solo

 

Pane integrale ebbene si, la moda del bio, del “naturale” (in attesa che qualcuno mi spieghi cosa significhi e perchè viene fatto la differenza con chimico), è quanto mai presente, successiva a quella delle kcal, del light, del senza zucchero e dell’olio di palma, ed ha colpito anche il pane.

La moda del pane integrale, ai cereali, ai fiori si sesamo alpini dell’Himalaya, o quello era il sale? vabbè insomma, questa moda sarebbe fantastica, ed invece ancora una volta vince il “guadagno” insano, a danno dei contribuenti.

Non mi soffermo sulla mediocrità culturale di chi legifera in Italia, ma la legge che permette di scrivere integrale, di farro, ai cereali, su pani e prodotti da forno che non lo sono, è un raggiro vero e proprio, anche se legale, delle persone.

Le persone si fidano, e da una parte fanno anche bene, è davvero brutto vivere in un paese dov’è necessario sapere, informarsi, conoscere, valutare, ponderare su ogni cosa, perché altrimenti, in nome della legge, sei “fottuto” nel rispetto delle regole.

Così vai a fare la spesa, comperi il tuo pane integrale, ti hanno detto che meno le farine sono raffinate e meglio è, però commetti un errore, non leggi l’etichetta.

Ora le etichette sono subdole, e a tal proposito leggete quella che segue, al primo posto dopo “ingredienti” vi è il prodotto di maggior quantità, quindi?

Intanto lo chiamiamo pane di segale e specifichiamo che è BIO ma in realtà il prodotto più presente è la Farina tipo 0 (che non è integrale)

Farina di segale è solo il 20%

e così via… dimenticavo il sale è integrale.

Perchè è importante dare senso di comprare qualcosa di salutare, e magari lo è pure, ma la domanda è: Perchè chiamare di segale un pane che ne contiene solo il 20%

Facile perchè la legge glielo permette, ed in giro vi è davvero cose senza nessuna dignità, lontanissime da quello che l’immagine, l’etichetta, le frasi del pakaging fanno credere o alle quali, abilmente alludono.

La maggior parte di essi è prodotta con farina raffinata industrialmente (la cosiddetta 00-0) a cui viene aggiunta una crusca devitalizzata e finemente rimacinata, ossia un residuo della lavorazione di raffinazione.

Sono ad oggi riuscito a trovare solo il “falso pane integrale”, ha un colore chiaro (da farina raffinata al massimo) inframmezzato da punti scuri (la crusca riaggiunta).

Mentre un autentico pane integrale ha un colore scuro e omogeneo, e un sapore incomparabile. Introvabile, ad oggi.

 Cito da Internet: “Quel finto pane integrale è il peggio del peggio” commenta Franco Berrino, uno dei più brillanti studiosi del rapporto fra alimentazione e tumori.
È doppiamente dannoso, in quanto provoca l’indice glicemico alto della farina raffinata e l’effetto dannoso della troppa crusca, che è quello di ridurre l’assorbimento del ferro e del calcio.

La farina 00 ha avuto successo, nonostante non sia buona e non sappia di niente, perché si conserva indefinitamente: nessuna farfallina sarebbe così stupida da andare a deporre le uova in una farina 00, non potrebbe vivere senza nutrienti.

Mentre una farina integrale dopo alcuni mesi è rancida.

Il grande vantaggio della farina raffinata è stata la conservazione.

Poi la gente si è appassionata a mangiare le cose morbidissime che quasi non bisogna masticare, e ormai pensa che un panino di quelli soffici sia un lusso!

Così si trova anche il paradosso assurdo del supermercato che ti vende la farina 00 biologica.

Ma come si può sciupare un grano biologico per fare una farina 00? Se mangio la farina 00 posso prendere anche quella non biologica, tanto i pesticidi rimangono nella parte integrale, cioè nel germe e nella crusca, e dunque sono eliminati col processo di raffinazione che porta alla 00”. Idiozie del Marketing “markettaro”

In pratica attraverso una molitura industriale e meccanizzata, ossia una macinazione con cilindri metallici a superficie ruvida che ruotano in senso opposto, si priva la farina del germe e della crusca: quindi della maggior parte dei nutrienti.

Il paradosso è che poi se ne raggiungono alcuni, in modo e proporzioni arbitrarie: così in America, dopo le farine con aggiunta di vitamina B, da anni si usano quelle con aggiunta di acido folico. E oggi si ha il sospetto che tale aggiunta di acido folico aumenti i tumori dell’intestino.

Poco salutare, oltre che ingannevole, è pure aggiungere la crusca per avere una falsa farina integrale, aggiunta che è però consentita dalla legge n.187 del 9 febbraio 2001: per definire un farina integrale basta che abbia un tasso di ceneri (sali minerali inceneriti) contenuto fra 1,30 e 1,70 su cento parti di sostanza secca, oltre a un tasso minimo di proteine.

PER CONCLUDERE

A pochi, veramente quasi a nessuno, interessa della nostra salute, tranne poi guadagnare, su campagne multimiliardarie che parlano di prevenzione, nella realtà, il “dio denaro” unico e supremo, la fa da padrone, a metà strada tra i loro interessi, la nostra ignoranza, e l’alienazione al gusto artefatto di zuccheri, coloranti, insaporitori, sale e chi più ne ha, più ne metta.

Del resto succhi di frutta ed estatè hanno sostituito l’H2O da tantissimo tempo tra i giovanissimi e non solo.

La maggior parte di persone che sottopongo a Bia sono disidratate ma che problema c’è, solo ansia, dolorabilità, infiammazione cronica, malessere.

Così per il pane, che mi ha preso l’ansia ho trovato solo questa soluzione, esistono dei “panettieri” portatili, elettrodomestici per fare il pane in casa, lo cuociono anche, e lo sfornano caldo, basta comperare la farina adatta, ma quella si trova con più facilità e sarà fatta.

Oppure andate da un panettiere vero, che mette la sua etica professionale e la cura per i suoi clienti, prima di tutto il resto, chiedetegli che farine usa, e di darvi davvero pane con farine di cereali, integrali, farro ecc.

Con buona pace per chi pensa che se vai nei posti, bio, naturali, ecosostenibili, ecocompatibili, allora si, che mangerai sano e starai in salute.

Facciamo la prossima volta, in attesa che la vita umana, un giorno, conti davvero più del denaro stampato su carta, in modo arbitrario, perchè un giorno ci hanno fatto credere, che la moneta, fosse il più “meglio” sistema economico, mondiale, globale.

Buon pane integrale a tutti.

 

Francesco Menconi

Ciao, sono Francesco Menconi... Nella mia attività quotidiana di Health Trainer ed esperto in metodologie Antiaging & Antistress, cerco innanzitutto di far innamorare le persone del loro corpo, attraverso la comprensione di sé che passa anche attraverso il movimento, perché solo vicini al corpo è possibile trovare il vero benessere... Mi piace scrivere per condividere quel poco che so su questo miracolo chiamato corpo umano.. Ho scritto 4 libri, i più importanti: "Ama il corpo tuo come te stesso, vivi circadiano" che ha venduto oltre 4800 copie ed il mio nuovo libro uscito a Dicembre 2021 "Accidia, dall'esistere, all'essere" Se ti va, scrivimi i tuoi pensieri lasciandomi un tuo commento...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.