Potassio ecco la fonte naturale migliore!

Potassio ecco la fonte naturale migliore!

Se pensi al potassio a che frutto pensi?

 

Un piccolo viaggio tra miti, leggende e troppa poca verità

E già quando pensiamo al potassio, la nostra mente va ad un solo frutto, la Banana.

Ma sappiamo davvero troppo poco e spesso quello che sappiamo si basa su convinzioni, credenze ed ha poco a che fare con la realtà, volete un esempio?

Chi è il più grande produttore al mondo di banane?

Brasile, Equador, Cina? macché Cina, ebbene è l’India che ne produce il 23% della produzione mondiale, gli altri nominati a testa l’8%

Ma torniamo a ciò che crediamo di sapere sulle Banane

Perché leghiamo le banane al potassio?

Questa leggenda nasce nel 1989 durante l’ottavo di finale di tennis del Roland Garros.

L’allora numero uno Ivan Lendl gareggiò contro lo statunitense Michael Chang, dato per sfavorito.

Chang mangiò innumerevoli banane per contrastare i crampi nei minuti finali, riuscì sorprendentemente a battere il rivale e successivamente vincere il torneo.

Da quel giorno la vittoria di Davide su Golia portò al mito.

Un mito falso? in parte infatti esistono frutti ben più forniti

Il potassio è contenuto in quasi tutti gli alimenti, soprattutto in quelli di origine vegetale.

  • fichi secchi (1010 mg/100 g),
  • avocado (450 mg/100 g) ma attenti per mangiarlo inquinate il pianeta in modo davvero violento
  • kiwi (400 mg/100 g)
  • ribes nero (370 mg/100 g)
  • melone d’estate (333 mg/100 g)
  • albicocche (320 mg/100 g)

Tra i vegetali

  • patate (570 mg/100 g)
  • spinaci (530 mg/100 g)
  • cavoli di Bruxelles (380 mg/100 g)
  • rucola (369 mg/100 g)

La frutta secca ne è molto ricca

  • pistacchi (1040 mg/100 g)
  • mandorle (780 mg/100 g)
  • arachidi (680 mg/100 g)
  • noci (603 mg/100 g)

E le nostre Banane? beh hanno un valore di 350 mg/100g direi un valore che le posizione terzultime nella classifica della frutta!

Insomma, di alimenti ricchi di potassio ce ne sono tanti e una dieta equilibrata è in grado di fornire l’apporto di potassio necessario al nostro organismo.

Ma soprattutto questo per far comprendere che le convinzioni che riguardano l’alimentazione sono davvero radicate in ragioni spesso futili, o leggende, o credenze e che poco hanno a che vedere con la realtà.

Nel dubbio dovremmo imparare a non fare le scimmie e mangiare sempre le solite cose, rendere la nostra dieta varia ed esplorativa, gustare e cogliere i sapori, sperimentare, cambiare, è il primo passo e poi chiedersi….

Quando la prossima volta vi diranno di mangiare banane per il potassio voi rispondete a fichi secchi!

Battute a parte, leggete:

In caso di infiammazione, allenamento intensi, sudorazione o stress non modulato, in caso di dieta non equilibrata è importante sapere quanto segue:

Integrate sempre Magnesio e Potassio ma insieme senza seguire le mode che vedono integrare troppo spesso solo Magnesio e ricordate:

Stanchezza e affaticamento cronico, perdita di forza, crampi, fibromialgie, aritmie, scarsa digeribilità e svuotamento gastrico, alvo alterno, disturbi dell’umore, irritabilità, “bipolarismo funzionale” sono alcuni dei sintomi vaghi (MUS) che il nostro fisico può manifestare quando la trasmissione degli impulsi nervosi viene alterata a causa di variazioni nelle concentrazioni ioniche.

In particolare, le alterazioni che riguardano potassio e magnesio sono determinanti nel causare squilibri nella conduzione nervosa che si possono manifestare con sintomatologie a carico degli apparati muscolare, cardiaco, nervoso e gastro-intestinale.

 

 

Francesco Menconi

Ciao, sono Francesco Menconi... Nella mia attività quotidiana di Istruttore e di Personal Trainer cerco innanzitutto di far innamorare le persone del loro corpo, attraverso la comprensione di sé che passa anche attraverso il movimento, perché solo vicini al corpo è possibile trovare il vero benessere... Mi piace scrivere per condividere quel poco che so su questo miracolo chiamato corpo umano.. Se ti va, scrivimi i tuoi pensieri lasciandomi un tuo commento...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.